Monastir (Tunisia) 11-17 luglio 2012

Dal 11 al 17 luglio si realizzo a Monastir (Tunisia) la riunione preparatoria del prossimo Foro Mondiale.

Durante l’evento è arrivata a quella città la nave Oloferne con a bordo l’equipaggio di Boats4people, la flottiglia della solidarietà. Boats4people è un progetto costruito da una coalizione di organizzazioni europee e africane con l’obiettivo di denunciare le morti di chi cerca di arrivare in Europa attraversando il mediterraneo.

Il giorno 13 luglio si è svolto un workshop intitolato “Scomparsi, mobilitazioni contro le morti e le scomparse nelle frontiere” al quale hanno partecipato i famigliari dei migranti tunisini, rappresentanti di organizzazioni del Mali, Algeria, Marocco, Senegal, Tchad, Etiopia, Francia, Olanda, Germania, Italia e gli ideatori del progetto WatchThe Med (frutto della collaborazione tra Boats4people e il Forensic Architecture del Goldsmiths College di Londra), il cui obiettivo è raccogliere informazione sugli episodi accaduti in mare dove siano stati violati i diritti umani dei migranti. Nella riunione è stata anche distribuita una lettera che i familiari dei migranti centroamericani scomparsi o morti hanno inviato alle famiglia tunisine.

Il workshop ha deciso appoggiare l’appello verso la seconda giornata d’azione globale per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati MIGRARE PER VIVERE! FERMIAMO LA STRAGE!

Durante il seminario è stato proposto anche che il 18 dicembre sia la giornata in cui si lanci una campagna per la creazione di commissioni indipendenti che si occupino di questa problematica nei paesi coinvolti. Inoltre è stato posta anche l’esigenza di esigere alle Nazioni Unite che la commissione contro la scomparsa forzata o involontaria, compia missioni nei paesi in cui si vive questa problematica.

I partecipanti algerini hanno richiesto che durante la giornata siano ricordata denunciata la situazione delle migliaia di scomparsi a mani dei servizi segreti dei differenti Stati.

Boats4people