APRITE LE FRONTIERE! MIGRARE PER VIVERE NON PER MORIRE!

Aprite le frontiere è l’urlo di uomini, donne, bambini e bambine fermi a Idomeine, al confine tra Grecia e Macedonia, attualmente in sciopero della fame. La loro protesta è simbolo di quanto chiedono altre migliaia e migliaia di persone in movimento ferme lungo le frontiere ai quattro angoli del pianeta.

Aprite le frontiere è l’urlo che arriva dal genocidio in atto rappresentato dalle migliaia e migliaia di persone che purtroppo non sono riuscite ad arrivare a destinazione. È quanto chiedono i parenti di queste vittime, morte o disperse lungo le rotte migratorie, perché se alle frontiere si permettesse il transito degli essere umani, e non solo delle merci, questa umanità in movimento non sarebbe costretta ad affidarsi a mafie e trafficanti.

Aprire le frontiere ed accogliere chi fugge da guerra e miseria, alla ricerca di un futuro migliore, è anche una risposta al terrore e alla paura che seminano le bombe dei terroristi.

Paura e terrore che però gli Stati del Nord del mondo e i mass media stanno alimentando trasformando migranti e rifugiati nel nemico da cui proteggersi e di conseguenza chiudendo e militarizzando ancora di più i confini.

Aprire le frontiere è una risposta che può permettere costruire una reale solidarietà tra chi è nato in un determinato territorio e chi ne è arrivato. Una solidarietà basata sull’affermazione di società in cui ci siano diritti per tutti e tutte.

Per questo ancora una volta il 18 dicembre 2015, la Giornata d’Azione Globale contro il razzismo per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati, decisa nel 2010 dall’assemblea finale del Foro Sociale Mondiale delle Migrazioni realizzato in Ecuador, cercherà di contribuire a dare visibilità alle iniziative che si svolgeranno in tutto il mondo contro il razzismo e per affermare i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati.

Perché affermare i loro diritti vuol dire affermare i diritti di tutti e tutte!

Una giornata di azione globale per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati è possibile: il prossimo 18 dicembre 2015!

26/11/2015

2015: Una giornata di azione globale contro il razzismo per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati è possibile

Mancano due mesi per il 18 dicembre. Più che mai è necessaria una Giornata di mobilitazione globale per affermare la dignità e i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati! La guerra contro le persone migranti è sempre più cruenta. La cifra delle vittime nelle frontiere continua a crescere così come cresce la militarizzazione dei confini e la violenza da parte degli Stati del nord del Mondo. I movimenti razzisti e xenofobi si affermano negli ambiti istituzionali e politici e prendono piede anche nella società ma contemporaneamente settori della società civile si ribellano all’ordine degli Stati e sostengono i migranti nel loro scavalcare i confini. Migliaia sono le organizzazioni e i volontari impegnati ad offrire accoglienza e assistenza a migranti e rifugiati.
[ + ]

Scaricare i loghi 2015 qui

Italiano logo
Francese logo
Inglese logo
Spagnolo logo

INFO

info
@globalmigrantsaction.org


Come nasce l’idea della Giornata di Azione Globale

In diverse occasioni, durante le riunioni nei vari Forum Mondiale e in altri eventi, il movimento dei migranti, rifugiati ed sfollati ha potuto costatare il bisogno di realizzare una azione comune a livello mondiale, perché mondiale è il nemico con il quale ci scontriamo quotidianamente. Inoltre questa azione potrebbe rappresentare un momento importante tramite il quale riconoscerci come movimento di lotta a livello mondiale.

Per questa ragione durante il Forum Mondiale delle Migrazioni realizzato a Quito (Ecuador) a ottobre 2010 y durante il Forum Mondiale a Dakar (Senegal) a febbraio 2011 si è discusso e deciso la realizzazione di una giornata di azione globale per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati il 18 dicembre, data in cui le Nazioni Unite hanno adottato la Convenzione per i diritti dei lavoratori Migranti e le loro famiglie.

Questa giornata vuole anche contribuire a diffondere a livello mondiale la “Carta Mondiale per i diritti dei Migranti” la cui versione definitiva è stata approvata a Gorée il 4 febbraio 2011

Forum Mondiale dele Migrazioni Quito 2010
Forum Mondiale Dakar 2011
Carta Mondiale dei Migranti